Usi deprecato browser. Aggiornare browser per garantire la corretta visualizzazione di questa pagina.

Passa al testo

Tradizioni natalizie antiche polacche

16.09.2019

Lettera di Babbo Natale * Video da Babbo Natale

Quando diciamo "Natale in Polonia", di solito pensiamo al "Natale tradizionale". Ma davvero sappiamo da dove provengono le tradizioni attuali, come si sono evolute e quante sono rimaste invariate fino ad oggi? Contrariamente alla credenza popolare, il simbolismo cristiano polacco abbonda di numerosi costumi e superstizioni che non sono originariamente associati al cristianesimo.

I primi documenti che menzionano la celebrazione del Natale in Polonia risalgono al 25 dicembre 354. Questo giorno non è stato scelto per errore. Doveva sostituire una festa slava chiamata Compleanno dell’Invincibile Sole per celebrare il dio Mitra.

Il Natale è talvolta chiamato La Grande Festa o La Festa Nuziale. La parola "nuziale" si riferisce a "nozze" che era un'usanza del matrimonio slavo. Il 25 dicembre era stato infatti celebrato come il giorno delle nozze fino a quando il cristianesimo apparve in terra polacca.

Oggi il Natale è il primo giorno dell'intero ciclo di celebrazioni e servizi legati alle usanze della chiesa che lodano la nascita di Cristo. Cominciano il 25 dicembre e durano fino all'Epifania, il 6 gennaio. Nella maggior parte delle case polacche, i festeggiamenti iniziano in modo informale già il 6 dicembre, mentre i bambini desiderosi attendono i loro regali portati da Babbo Natale e lasciati sotto l'albero di Natale.

In passato, il Natale in Polonia era un evento significativo, il che è dimostrato dal fatto che i preparativi iniziano già dall’estate! Le persone raccoglievano funghi nei boschi vicini e frutti nei frutteti per poi seccarli per l'inverno. Avrebbero fatto anche scorta di miele, farina, noci, aringhe e carne di selvaggina. Poiché era severamente vietato svolgere attività domestiche durante la vigilia di Natale, tutti i lavori dovevano essere completati il giorno precedente. Il 24 dicembre, i pescatori sarebbero andati a pesca alle prime luci. Le domestiche nelle famiglie benestanti e le casalinghe insieme alle loro figlie nelle famiglie meno abbienti preparavano i piatti per il giorno seguente.

Anche i preparativi per le festività avevano un aspetto spirituale. Durante l'Avvento, ogni mattina si svolgeva una messa rorate (messa dell'alba). Secondo le leggende, l'Avvento iniziava già l'11 novembre, giorno di San Martino. Quel giorno era dedicato anche a transazioni finanziarie, tasse e altri tributi che dovevano essere eseguiti e pagati quel giorno. Per molti, quel giorno è stato l'ultimo giorno del vecchio anno. Dopo il 30 novembre, tutte le forme di intrattenimento dovevano finire.

Diamo un'occhiata a una tipica tradizionale famiglia polacca. Cosa vediamo? Il trambusto quotidiano. Persone impegnate nella pulizia e nella preparazione del cibo. Sorprendentemente, ciò che non troveremo è un albero di Natale! L'usanza di decorare gli alberi di Natale è apparsa per la prima volta in Polonia, tra il 18 ° e il 19 ° secolo. La tradizione polacca prevedeva di collocare fasci di paglia negli angoli delle stanze, in particolare nelle stanze in cui si celebrava la vigilia di Natale. In alcune case, la gente raccoglieva della paglia e l’avvolgeva intorno agli alberi da frutta, nel frutteto, per garantire buoni raccolti per l'anno successivo. Inizialmente, questa usanza era praticata da tutti i gruppi sociali in Polonia. Con il tempo, ha iniziato a svanire e, infine, è stato mantenuto solo tra i contadini e la classe inferiore.

Nonostante la loro religiosità, i polacchi credevano che durante la vigilia di Natale, e talvolta anche tra il vecchio e il nuovo anno, i fantasmi di familiari morti visitassero le loro famiglie di persona. Devi aver sentito parlare di lasciare una sedia vuota durante la cena della vigilia di Natale, vero? Infatti, i nostri antenati credevano fermamente che quei posti vuoti (o posto, a seconda della famiglia) sarebbero stati occupati dai membri deceduti della famiglia. Era di buon gusto soffiare sulla sedia prima di sedersi su di essa, per assicurarsi che non ci si potesse sedere accidentalmente sull'anima di una persona deceduta. Le azioni proibite alla vigilia di Natale includevano anche le faccende domestiche, tagliare la legna, cucinare, cucire. Tutto ciò avrebbe dovuto proteggere i fantasmi presenti in casa dall’essere involontariamente feriti. Gli ospiti invisibili riceveranno anche un wafer sul loro piatto.

Tuttavia, garantire un anno di prosperità per una famiglia non era così facile e richiedeva molte azioni. Ad esempio, ci doveva essere un numero pari di persone sedute al tavolo della vigilia di Natale.  Se così non era, la sfortuna era inevitabile e se c'erano 13 partecipanti alla festa, si perdeva ogni possibilità di prosperità. Le famiglie benestanti invitavano i loro servi al tavolo per soddisfare il requisito del numero pari. Un oggetto di ferro, come una falce o un'ascia, doveva essere posto sotto il tavolo, per consentire agli ospiti di appoggiare i piedi. Era una garanzia per scongiurare la sfortuna. Alcuni testi letterari suggeriscono che il ferro era considerato un simbolo di "gambe forti" e che quindi gli ospiti saranno protetti dal farsi male dalle spine. Anche la regione di Podhale aveva usanze interessanti: l'ospite avrebbe rotto il wafer, lo avrebbe chiamato come uno dei membri della famiglia, quindi avrebbe immerso il wafer nel miele e l'avrebbe incollato al vetro della finestra. Tuttavia, il significato di questo rituale era molto meno piacevole; se il wafer cadeva rapidamente, la persona in questione sarebbe deceduta presto.

La mattina del 25 dicembre era piena di ordini e divieti. Secondo le leggende, le donne non potevano far visita ad altre famiglie al mattino, poiché si riteneva che portasse sfortuna. È interessante notare che l'aspetto negativo della superstizione non si riferiva agli uomini, al contrario! L'arrivo di un uomo alle porte annunciava la prosperità della famiglia.

Mentre alcuni preparavano la festa serale, i cantanti del coro - i giovani ragazzi - vagavano da una porta all'altra cantando canti natalizi. Ed era anche l'occasione perfetta per presentarsi al futuro coniuge. Secondo fonti scritte, in particolare quel giorno, le fanciulle (giovani donne non sposate) dovevano mantenere pulite le loro case, poiché era un segno delle loro capacità di future casalinghe.

I cantanti dei cori natalizi della vecchia Polonia cantavano gli stessi canti dei polacchi odierni? La parola "kolęda" ("canto") deriva dalla parola latina "calendae" che significa "il primo giorno di ogni mese". In Polonia, il termine "canti natalizi" non si applicava alle canzoni religiose, ma alle canzoni di Capodanno. Canti religiosi provenienti da inni latini medievali furono diffusi in Europa da famiglie francescane. Secondo le leggende, il primo canto fu creato da San Francesco. Le leggende polacche menzionano canzoni come "Anioł pasterzom mówił" ("L'angelo ha detto ai pastori"), "Zdraw bądź królu anielski" ("Sii sano, re angelo") o "W żłobie leży" ("Giace nella culla") - tutte scritte da Piotr Skarga. Le canzoni che conosciamo oggi risalgono al 18 ° secolo. Includono pezzi come: “Jezus malusieńki” (“Il piccolo Gesù”), “Bóg się rodzi” (“Dio sta nascendo”) e “Gdy śliczna Panna” (“Come la bella Vergine”). Oltre ai canti tradizionali, un altro tipo di canzoni - i pastorali - erano molto popolari. Erano canti energici e melodiosi riferiti alla vita quotidiana scritti in dialetto locale colloquiale.

La parola polacca vigilia di Natale - "Wigilia" - ha origini latine e "vigilare" significa "mantenere la vigilanza", mentre "vigilia" significa "guardia notturna" (servizio di guardia). Le usanze sulla vigilia di Natale derivano dalle celebrazioni precristiane del solstizio d'inverno. La magia della vigilia di Natale sarebbe emersa in molti modi diversi. Apparentemente, gli animali parlerebbero come umani (purtroppo le notizie che annunciavano non erano buone, in quanto informerebbero le persone del giorno della loro morte), i fiori sarebbero sbocciati sotto la neve (alcune leggende menzionano il fiore di felce che sbocciava e scintillava a mezzanotte), sarebbero cresciuti per un momento le foglie verdi sugli alberi, le acque nei fiumi e nei pozzi si trasformerebbero in miele o vino e il terreno tremando rivelerebbe tesori nascosti al suo interno.

Quali superstizioni erano cruciali quel giorno? Non era permesso sdraiarsi, anche nel caso di sofferenza e debolezza, poiché significava che sarebbe arrivata una malattia ancora maggiore. Altre azioni proibite includevano sputare sul pavimento, rovesciare l'acqua del piatto, macinare i grani, girare su una ruota che gira, mentre oggetti appuntiti come coltelli, forbici e aghi potevano essere usati solo in situazioni urgenti e particolari - potevano ferire i fantasmi degli antenati in giro per casa! Questo giorno dovrebbe essere libero da litigi e controversie, nonché da qualsiasi preoccupazione. In alcune parti della Polonia, i bambini avrebbero dovuto correre tre volte attorno la casa indossando solo una maglietta; questo avrebbe dovuto indurirli e prevenirli dalle malattie. Coloro che desideravano mantenere la salute e la bellezza si lavavano in una ciotola con acqua fredda e monete d'argento sul fondo. Prendere in prestito qualsiasi cosa era severamente vietato, poiché significava carenza nel prossimo anno.

Fuori dalla finestra, quando faceva lentamente buio. La famiglia si riuniva per sedersi al tavolo apparecchiato e godersi la reciproca compagnia in attesa della prima stella in cielo. Non appena appariva, i genitori si dirigevano davanti alla casa con il wafer sul piatto. Ogni membro della famiglia, compresi i domestici, condividono il wafer tra loro e augurano buon Natale agli altri. Uno dei requisiti della cena era che nessuno si sarebbe seduto al tavolo pur essendo in disaccordo con qualcun altro. Anche i più grandi nemici erano invitati dall'ospite a stringere le mani l'un l'altro e perdonarsi l'un l'altro. Un gioco popolare al tavolo consisteva nel tirare fuori della paglia da sotto la tovaglia. Se una donna tirava fuori della paglia verde, si sarebbe sposata presto. Se la paglia fosse chiara, la dama  avrebbe dovuto aspettare ancora un po’ di tempo per la proposta. Della paglia secca avrebbe preannunciato di rimanere zitella. Durante la cena, tutti dovevano assaggiare ciascuno dei 12 piatti, in modo che "nessun piacere della vita gli passasse accanto".

In quel giorno era vietato anche mangiare carne. Una famiglia tradizionale avrebbe condiviso un wafer al mattino, mentre la casalinga avrebbe consegnato a tutti una fetta di pane.

Tornando ai piatti tradizionali, vale la pena ricordare che i tavoli, splendidamente decorati con il ginepro, erano abbondanti di cibo e di qualsiasi tipo! Il pan di zenzero, noto come "katarzynki" ("pan di zenzero di Catherine"), realizzato con miele, ripieni di erbe e spezie, divennero popolari già nel 13 ° secolo. Molte leggende dicono che tre zuppe dovevano essere servite al tavolo: zuppa di mandorle, borscht con gnocchi e zuppa di funghi con aringhe. I domestici mangiavano la kutia (budino di grano dolce) e i membri della famiglia mangiavano anelli di rafano, carpe, luccio allo zafferano, torte con miele e semi di papavero, posati in olio d'oliva con uova tritate. I bambini non vedono l'ora di mangiare strudel di frutta, ciliegie e pere, mentre gli adulti speravano in patè di pasta con fegatini di pesce ("chucherki"). I piatti che oggi sono considerati tradizionali in Polonia, come la zuppa di segale acida e i bigos, non provengono dal suolo polacco, ma dalla Germania.  Ad esempio, i pierogi (gnocchi polacchi) sono arrivati ​​in Polonia dall'Ungheria.

I piatti con semi di papavero che avevano anche un significato magico erano un elemento intrinseco. Gli strudel con semi di papavero, latte di papavero e altri prodotti, non erano solo una delizia per i palati, ma servivano anche allo scopo di collegare i vivi con il mondo dei morti. Si credeva che, poiché i semi di papavero causassero il sonno profondo e se una persona addormentata si trovasse negli inferi, allora anche lui o lei avrebbe avuto accesso ad esso. La tradizione richiedeva che tutte le colture prodotte dalla terra polacca fossero servite sul tavolo: dai campi - piatti a base di farina al frutteto - frutta e noci, dall'orto – verdure alla foresta - funghi e bacche e alle acque - pesce. Inoltre, la paglia doveva essere messa sotto la tovaglia. Il grano era senza dubbio il simbolo principale e più cruciale del Natale - un riferimento al presepe di Betlemme.

Dopo cena, l'intera famiglia andava in chiesa per la messa di mezzanotte di Natale per finire la vigilia e iniziare il prossimo anno in pace.

Qual è il posto di Babbo Natale in tutto questo?

Secondo molte leggende, Babbo Natale (San Nicola) era il vescovo di Myra. Era un modello di religiosità e misericordia. Le sue radici risalgono all'Impero romano del  4 ° secolo. Nella sua giovinezza, generosamente avrebbe fatto l'elemosina per i bisognosi e avrebbe aiutato i poveri. Le leggende su Nicholas lo trasformarono in un patrono di marinai, monaci, studiosi, studenti che facevano gli esami e anche giovani donne non sposate. Nella cultura polacca, San Nicola è solo recentemente diventato noto come un grande amico di bambini che li premia per le loro buone azioni. La maggior parte delle persone riconosce la figura di San Nicola senza ombra di dubbio e i bambini non possono immaginare il Natale senza di lui. Vale la pena notare che anche il calendario dell'avvento e il conto alla rovescia ai Natale sono diventati popolari grazie a Babbo Natale. In effetti, il calendario dell'avvento assume forme diverse in diversi paesi, ad esempio in Germania utilizzano quattro candele natalizie, ma la sua forma attuale è principalmente l'effetto della divulgazione e commercializzazione del Natale.

Questo sito usa file cookie Maggiori informazioni›. L’uso del servizio equivale al consenso nei confronti del loro salvataggio su quest’apparecchiatura. Puoi cambiare le impostazioni nel Tuo browser.
Iscriviti per uno sconto Elfi
Indirizzo email errato.
Ops! Il tuo indirizzo e-mail è già presente nel nostro database.
Siamo spiacenti, si è verificato un errore.
Calcola il risultato: 3 + 4
Newsletter Iscrivendoti qui, accetti di ricevere la nostra newsletter con offerte di sconto.

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento da questo elenco facendo clic sul link nelle nostre e-mail o deselezionando l'opzione sul tuo account (se ne hai uno). Per ulteriori informazioni, visita la nostra pagina Termini e Condizioni.
Incolla il codice nel carrello per ottenere uno sconto